IL TRASPORTO DEI RIFIUTI PERICOLOSI IN ESENZIONE PARZIALE ADR 2013

Quando la quantità di merci pericolose a bordo di un'unità di trasporto, non è superiore ai valori indicati nella colonna 3 della Tabella 1.1.3.6.3 per una data categoria di trasporto (quando le merci sono della stessa categoria) o al valore calcolato secondo la sotto-sezione 1.1.3.6.4 (quando le merci pericolose appartengono a diverse categorie), esse possono essere trasportate in colli nella stessa unità di trasporto in esenzione parziale ADR, pertanto:

NON E’ OBBLIGATORIO :

  • Pannelli di pericolo e cartelli di rischio su veicoli, container e cisterne (ADR 5.3) 
  • Istruzioni scritte al conducente (ADR 5.3.4) 
  • Disposizioni sui veicoli per trasporto di colli ad eccezione dei codici V5, V7 e V8 (ADR 7.2) 
  • Norme su carico e scarico in luoghi pubblici (ADR 7.5.11)
  • Estintori aggiuntivi oltre quello obbligatorio da 2 Kg (ADR 8.1.4.1b)
  • Equipaggiamento normale (c.d. borsa ADR) (ADR 8.1.5)
  • Certificato di formazione professionale del conducente.(ADR 8.2)
  • Viene meno il divieto di trasporto passeggeri (ADR 8.3.1)

E’ SEMPRE OBBLIGATORIO :

  • Documento di trasporto (ADR 5.4)
  • Estintore da 2 Kg (ADR 8.1.4.2)
  • Formazione di tutto il personale coinvolto  nelle operazioni di trasporto di merci pericolose (ADR 8.2.3)
  • Sorveglianza dei veicoli quando si superano i quantitativi previsti da ADR 8.5 (ADR 8.4)
  • Dispositivo  di illuminazione portatile (ADR 8.3.4)
  • Marcatura ed etichette dei colli (ADR 5.2)
  • Divieto di carico misto (ADR 7.5.2)
  • Divieto di scarico in  presenza di elementi che potrebbero comprometterne la sicurezza (ADR 7.5.1) 
  • Divieto di apertura dei colli (ADR 7.5.7.3)
  • Divieto di fumare (ADR 7.5.9) 

Le categorie di trasporto ed i relativi valori di cui alla tabella 1.1.3.6.3:

Categoria      

Quantità massima per unità di trasporto espressa in Kg

        0      

0

        1      

20

        2

333

        3

1000

4

illimitata

Si ricorda che, la Categoria per trasporto in esenzione parziale è assegnata a ciascuna tipologia (ONU) nella Colonna 15 della Tabella A del Capitolo 3.2

A cura di Luca D'Alessandris
www.consulenzagestionerifiuti.it
Riprodurre integralmente o parzialmente il presente testo senza citare l'autore e la fonte, è reato ai sensi della Legge 633/1941 s.m.i. con Legge 248/2000.

 


ALTRI ARTICOLI SIMILI
05-12 2017

E' PRONTA LA BOZZA DEL REGOLAMENTO MINISTERIALE PER LA CESSAZIONE DELLA QUALIFICA DI RIFIUTO DEL FRESATO DI ASFALTO


05-12 2017

Il reato di cui ALL'ART. 256, comma 2 , D.lgs n.152/2006, si configura nei confronti di chiunque abbandoni rifiuti NELL'AMBITO di UN'ATTIVITA'  economica


15-11 2017

 LA RESPONSABILITA’ PER GESTIONE ILLECITA DI RIFIUTI RICADE SUL TITOLARE O RESPONSABILE DELL’IMPRESA PER IL FATTO COMMESSO DAL DIPENDENTE.