LA RESPONSABILITA' PER GESTIONE ILLECITA DI RIFIUTI RICADE SUL TITOLARE O RESPONSABILE DELL' IMPRESA PER IL FATTO COMMESSO DAL DIPENDENTE.

Prendendo spunto dalla recente  sentenza n.30133 del 15 luglio 2017  della III Sezione Penale della Corte di Cassazione si esamina la responsabilità della condotta illecita in materia di gestione di rifiuti  posta in essere dal dipendente dell’impresa.

Con tale pronuncia la suprema Corte ribadisce e consolida il proprio orientamento già espresso in precedenti sentenze  e, più precisamente, con le sentenze n.3905 del 27 gennaio 2017 e n. 13213 del 20 marzo 2017, sempre della terza Sezione , dove viene sancito che la responsabilità per le diverse fasi di gestione di rifiuti non autorizzate, sia esso trasporto o smaltimento, ricade sul responsabile dell’impresa sotto il profilo dell’omessa vigilanza sull’operato dei propri dipendenti; in sintesi, nelle diverse condotte criminose esaminate con le pronunce suindicate, viene messo in evidenza il principio che il titolare/responsabile dell’impresa, proprio in quanto tale,  è il destinatario degli obblighi che discendono dallo svolgimento di attività in materia di gestione di rifiuti.

Va precisato, però, che non si tratta di una responsabilità oggettiva per condotte poste in essere da altro soggetto, ma da una responsabilità per violazione dei doveri di diligenza (responsabilità colposa) non avendo correttamente vigilato sull’operato  dei dipendenti adottando le necessarie misure che potevano evitare la commissione di illeciti; responsabilità questa che ricade sulle posizioni apicali ovvero sui soggetti preposti alla direzione dell’impresa.

Pertanto si consolida l’orientamento giurisprudenziale in base al quale la condotta  incriminatrice  sancita nell’articolo 256 del D.lgs 152/06 non si riferisce solo alle condotte ascrivibili direttamente al titolare dell’impresa perché da lui poste in essere concretamente ma anche, al contrario, alle condotte poste in essere nell’ambito dell’attività di impresa se pur da soggetti diversi dallo stesso titolare; responsabilità colpevole che può essere evitata utilizzando la normale  diligenza.

In conclusione l’elemento strutturale affinché  si configuri il reato di cui all’articolo 256 sopracitato non è ne la presenza fisica del   responsabile dell’ impresa  al momento che la condotta altrui viene posta in essere  né che sia egli stesso a porla in essere, essendo sufficiente l’ omessa vigilanza sull’operato dei propri collaboratori. 

www.consulenzagestionerifiuti.it

Riprodurre integralmente o parzialmente il presente testo senza citare l'autore e la fonte, è reato ai sensi della Legge 633/1941 s.m.i. con Legge 248/2000.

       

Dr. Gianpietro Luciano

ALTRI ARTICOLI SIMILI
05-12 2017

E' PRONTA LA BOZZA DEL REGOLAMENTO MINISTERIALE PER LA CESSAZIONE DELLA QUALIFICA DI RIFIUTO DEL FRESATO DI ASFALTO


05-12 2017

Il reato di cui ALL'ART. 256, comma 2 , D.lgs n.152/2006, si configura nei confronti di chiunque abbandoni rifiuti NELL'AMBITO di UN'ATTIVITA'  economica


03-11 2017

responsabilita'  PRODUTTORE E CONSEGNA A TERZI NON AUTORIZZATI : SENTENZE N.31351 DEL 27/06/17 E N.38981 DEL 08/08/17,III SEZ. PENALE