20/10/2017: APERTE LE ISCRIZIONI PER VERIFICHE DI IDONEITa' DEL RESPONSABILE TECNICO

Dal 20/10/2017 sono aperte le iscrizioni, per i responsabili tecnici che intendono iscriversi all’Albo Gestori per la prima volta, o per coloro che necessitano cambiare categoria o classe di iscrizione.

Con le deliberazioni dell’Albo nazionale Gestori ambientali 30 maggio 2017, nn. 6 e 7, decorrenza 16/10/2017, sono stati introdotti i nuovi requisiti del responsabile tecnico e la relativa verifica.

Con una verifica iniziale verrà stabilita l'idoneità del candidato a responsabile tecnico, successivamente ogni cinque anni, il soggetto, inizialmente, dichiarato idoneo dovrà sostenere verifiche che attestino   il continuo aggiornamento alle normative ambientali.

La verifica si svolgerà mediante prova scritta e sarà costituita da 80 quiz a risposta multipla, i quali saranno sottoposti al controllo della commissione d’esame.

Il calendario delle verifiche è consultabile nell’allegato A della  liberazione 7/2017.

I candidati potranno iscriversi on-line, attraverso un’area riservata sul sito dell’Albo gestori, le iscrizioni partono dal 20/10 e chiudono il 9/11.

Per ulteriori informazioni consultare il sito:

http://www.albonazionalegestoriambientali.it/Home.aspx

2017-10-21

 www.consulenzagestionerifiuti.it

Riprodurre integralmente o parzialmente il presente testo senza citare l'autore e la fonte, è reato ai sensi della Legge 633/1941 s.m.i. con Legge 248/2000.

ALTRI ARTICOLI SIMILI
07-04 2018

Sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea è stata pubblicata la Rettifica della decisione 2014/955/UE della Commissione, del 18 dicembre 2014, che modifica la decisione 2000/532/CE relativa all'elenco dei rifiuti ai sensi della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio (Gazzetta ufficiale dell'Unione europea )


18-03 2018

Circolare ministeriale recante “Linee guida per la gestione operativa degli stoccaggi negli impianti di gestione dei rifiuti e per la prevenzione dei rischi”


16-01 2018

Pubblicato il DPCM che approva il nuovo Modello Unico di Dichiarazione ambientale per l’anno 2018.