SISTRI: La riclassificazione dei rifiuti

In vista dell'entrata in vigore (1 giugno 2015) del Regolamento UE 1357/2014/UE, che sostituisce l'allegato III della Direttiva 2008/98/CE, relativa all'attribuzione delle caratteristiche di pericolo dei rifiuti, e della Decisione 2014/955/UE, che modifica la Decisione 2000/532/CE, relativa all'elenco dei rifiuti, il SISTRI ha predisposto la procedura per adeguare la "vecchia" alla "nuova" classificazione dei rifiuti caricati ed in giacenza in deposito temporaneo o presso lo stoccaggio provvisorio negli impianti autorizzati.

 

 

scarica qui la procedura

 

A cura di Luca D'Alessandris

www.consulenzagestionerifiuti.it

Riprodurre integralmente o parzialmente il presente testo senza citare l'autore e la fonte,  è reato ai sensi della Legge 633/1941 s.m.i. con Legge 248/2000.

ALTRI ARTICOLI SIMILI
05-12 2017

E' PRONTA LA BOZZA DEL REGOLAMENTO MINISTERIALE PER LA CESSAZIONE DELLA QUALIFICA DI RIFIUTO DEL FRESATO DI ASFALTO


05-12 2017

Il reato di cui ALL'ART. 256, comma 2 , D.lgs n.152/2006, si configura nei confronti di chiunque abbandoni rifiuti NELL'AMBITO di UN'ATTIVITA'  economica


15-11 2017

 LA RESPONSABILITA’ PER GESTIONE ILLECITA DI RIFIUTI RICADE SUL TITOLARE O RESPONSABILE DELL’IMPRESA PER IL FATTO COMMESSO DAL DIPENDENTE.