Il passaggio dal vecchio al nuovo Albo con le garanzie di continuita'

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

Dott. Giampietro Luciano

Come avevo anticipato nel mio contributo di apertura della Tribuna Albo Gestori Ambientali procederò ad una dettagliata analisi dell’articolato del nuovo D.M.120/2014 (Regolamento dell’Albo Nazionale Gestori Ambientali) partendo, un pò controcorrente rispetto alla prassi espositiva e di commento di una legge, dalla norma di chiusura del decreto ovvero l’articolo 26 intitolato“Disposizioni transitorie e finali”. Tale scelta è dettata dalla necessità, a mio sommesso avviso, di mettere in evidenza l’importanza delle cosiddette norme di coordinamento che spesso vengono omesse, taciute, ogni qual volta entra in vigore un nuovo e diverso regime normativo rispetto al passato e che, invece, hanno l’importante funzione di consentire il passaggio dalle vecchie alle nuove norme evitando vuoti normativi e soprattutto una soluzione di continuità. Tale situazione è stata evitata, fortunatamente per il buon funzionamento del collaudato sistema Albo, proprio grazie ad una serie di previsioni enucleate nell’articolo 26 in commento che hanno evitato un impatto negativo sul sistema delle imprese in quanto alle stesse non vengono più richiesti gravosi adempimenti per adeguare e aggiornare le loro autorizzazioni vigenti ed efficaci alla data di entrata in vigore ( 7 novembre 2014) del nuovo sistema Albo, così come avvenne, al contrario, con l’entrata in vigore del D.M.406/98 che comportò un gravoso onere tanto per le imprese che per Sezioni Regionali dell’Albo. Di primaria importanza sono le due disposizioni dell’articolo 26 che salvaguardano sia le autorizzazioni in essere, con le relative garanzie finanziarie prestate, sia le istanze di iscrizione, in quanto per entrambe viene stabilito la loro “ultrattività” ovvero restano valide ed efficaci purchè, rispettivamente, deliberate e presentate entro la data del 7 settembre 2014. Ci troviamo di fronte, a mio avviso, ad un esempio di applicazione del principio cardine dell’azione amministrativa ovvero quello del buon andamento enunciato nell’articolo 97 della Costituzione e dei consequenziali criteri di ragionevolezza ed efficacia che devono caratterizzare l’esercizio della funzione amministrativa. Lo stesso articolo 26 ribadisce poi che laddove il D.lgs 205/2010 noto come terzo correttivo del D.lgs 152/06 nonché atto di recepimento della Direttiva europea sui rifiuti CE 2008/08, abbia riscritto l’articolo 212 del medesimo testo unico dedicato all’Albo Nazionale Gestori Ambientali eliminando dal sistema autorizzativo le categorie 2 (raccolta e trasporto di rifiuti speciali non pericolosi avviati al recupero in procedura semplificata) e 3 (raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi avviati al recupero in procedura semplificata), le medesime autorizzazioni rimangono valide ed efficaci fino alla loro naturale scadenza quinquennale. Così come restano applicabili tutte le disposizioni emanate dal Comitato Nazionale, ovvero delibere e circolari,che erano state adottate dallo stesso organo sotto la vigenza del D.M. 406/98 e ciò fino a quando le stesse non vengano esplicitamente sostituite (abrogate) da nuove disposizioni dell’organo deliberante che presiede e governa il sistema Albo. Importante e non ultimo è la continuità che viene garantita dallo stesso articolo in commento al sistema delle garanzie finanziare laddove viene stabilito che in attesa del decreto del ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, che fissi i criteri generali per la definizione delle garanzie finanziarie da prestare a favore delle regioni di cui all’art.212, comma 11 del D.lgs.152/06 , restano in vigore i due decreti ministeriali 5 febbraio 2004 e 5 luglio 2005 che hanno stabilito modalità ed importi delle garanzie finanziarie che devono essere prestate a favore dello Stato dalle imprese che effettuano la bonifica dei beni contenenti amianto (cat.10) e di quelle che effettuano la bonifica dei siti contaminati (cat.9).

Roma, 5 novembre 2014

ALTRI ARTICOLI SIMILI
30-12 2017

Trasporto intermodale dei rifiuti: indicazioni operative nel parere Prot.1235/Albo del 4/12/2017


27-11 2017

obbligo isCRIZIONE all'albo per trasporti occasionali, sentenza N.44438 27/09/17 corte cassazione


21-10 2017

 

20/10/2017: APERTE LE ISCRIZIONI PER VERIFICHE DI IDONEITa' DEL RESPONSABILE TECNICO